A Cavalese la Partita dell’Amicizia

Da il 27 aprile 2016
la partita dell'amicizia cavalese

È stata definita “la partita dell’amicizia”: molto più di un incontro di calcio, nulla a che vedere con una sfida, ma un vero e proprio ponte verso l’integrazione, concretizzazione dei valori più profondi dello sport.

Nei giorni scorsi la palestra dell’istituto d’istruzione de La Rosa Bianca di Cavalese ha accolto una quindicina di giovani richiedenti protezione internazionale provenienti da Senegal, Gambia, Ghana, Camerun, Nigeria e Guinea, ospitati sull’Altopiano di Pinè, accompagnati da alcuni volontari (tra cui l’assistente sociale a Cavalese, Elisa Rizzi) e gli operatori del Centro Astalli che li seguono nelle attività.

Ad accoglierli una rappresentativa degli studenti e degli insegnanti dell’istituto scolastico, tra cui il dirigente Roberto Biasiori e la vicepreside di Predazzo Cristina Giacomelli, e alcune autorità locali, tra cui il vicepresidente della Comunità di Valle Michele Malfer, il sindaco di Castello Molina di Fiemme Marco Larger con l’assessora Dorotea Corradini, l’assessora alla cultura del Comune di Cavalese Ornella Vanzo e la referente tecnica-organizzativa del Piano Giovani di Zona della Valle di Fiemme Marta Luchini.

la partita dellamicizia cavalese 1 1024x490 A Cavalese la Partita dellAmicizia

Sono state formate quattro squadre miste delle due delegazioni, arbitrate dagli operatori del Centro Astalli: “Non abbiamo voluto fare una partita “noi contro voi”, ma creare un’occasione per giocare insieme”, spiega Michele Malfer. A metà torneo sono state esposte alcune testimonianze: Ebrima Keita e Alasan Njie hanno raccontato il loro viaggio verso l’Italia, mentre alcuni scout della Valle hanno ripercorso la loro esperienza di volontariato con i ragazzi richiedenti asilo del centro di prima accoglienza di Bolzano.

la partita dellamicizia cavalese 2 1024x696 A Cavalese la Partita dellAmicizia

“Lo sport, oggi e ancora una volta, ci aiuta a comprendere che la “diversità”, sia essa fisica, culturale, etnica è un valore aggiunto non un ostacolo perché nel gioco c’è spazio per tutti e insieme ci si completa e ci si arricchisce”, ha sottolineato Michele Malfer durante il pomeriggio, organizzato dalla Comunità Territoriale della Valle di Fiemme, il Tavolo per le Politiche Giovanili di Fiemme, l’Istituto La Rosa Bianca e l’ASD Casse Rurali Calcio Fiemme, il cui presidente si è detto disponibile ad accogliere in squadra alcuni dei ragazzi richiedenti asilo.

I ragazzi di Miola ora intendono ricambiare l’ospitalità: hanno invitato studenti e insegnanti per un pranzo etnico. Perché la cucina, proprio come lo sport, è occasione di conoscenza e amicizia.

la partita dellamicizia cavalese 1024x437 A Cavalese la Partita dellAmicizia

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi