La Giunta della Comunità di Valle appoggia Welponer

Da il 30 dicembre 2014
ospedale-fiemme-cavalese-1024x422

Da presidente e assessori solidarietà allo sciopero della fame per la nomina di un nuovo primario per il reparto di ginecologia e ostetricia di Cavalese 

Piena solidarietà a Loris Welponer: dalla Giunta della Comunità Territoriale della Valle di Fiemme arriva un messaggio di appoggio al presidente del Consiglio comunale di Cavalese che da circa una settimana è in sciopero della fame in attesa che venga nominato un nuovo primario per il reparto di ginecologia e ostetricia dell’ospedale di Fiemme.

“Welponer ha il sostegno mio e di tutti gli assessori. Siamo fermamente convinti che sia necessario smuovere le coscienze di chi per troppo tempo ha fatto vane promesse. La valle di Fiemme, così come le zone limitrofe che hanno sempre trovato nell’ospedale di Cavalese un punto fondamentale di riferimento, è stanca di parole, di garanzie non rispettate, di ripensamenti e cambiamenti di rotta”, afferma il presidente Raffaele Zancanella. “Welponer è stato accusato di sensazionalismo, ma noi crediamo che la sua iniziativa vada sostenuta e appoggiata.

Non perché vada a sostituirsi a quanto portato avanti in questi anni e in particolare negli ultimi mesi da amministratori e società civile, ma perché possa essere un ulteriore messaggio di protesta che giunge da queste valli che non ci stanno proprio a vedere chiudere un reparto fondamentale come la maternità. Un nuovo primario è la condizione fondamentale per continuare a garantire gli standard di sicurezza del reparto: Welponer con coraggio sta chiedendo questo, dando ulteriore forza alle azioni che noi amministratori, incentivati anche da importanti iniziative nate dal e sul territorio, continueremo a mettere in atto. Perché, lo ribadisco ancora una volta, nascere vicino a casa non è un privilegio ma un diritto”.

Cavalese, 30 dicembre 2014

ADDETTO STAMPA

Monica Gabrielli

ospedale fiemme cavalese 1024x422 La Giunta della Comunità di Valle appoggia Welponer

Questo articolo è stato letto 5276 volte!

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi