I neo maggiorenni accolti in Comune a Cavalese

Da il 18 maggio 2013
maggiorenni in comune a cavalese fiemme
Si è svolto mercoledì 15 maggio, l’annuale incontro dedicato ai neo maggiorenni accolti in comune a Cavalese per un momento di riflessione sul traguardo importante del raggiungimento dei 18 anni, che segna socialmente l’ingresso nella maggiore età. Gli amministratori (presenti il Sindaco Silvano Welponer, il suo Vice Michele Malfer e la Capo Frazione di Masi,Pina Vanzo)  hanno incontrato e dialogato con i giovani, per far capire come i 18 anni, non sono solo un fatto privato, ma qualche cosa che riguarda tutta la comunità di Cavalese e Masi. Chi diventa maggiorenne, assume su di sé nuovi diritti, ma anche nuovi doveri, maggiori opportunità ma anche responsabilità, è stato ribadito. A partire da oggi ! Si tratta di un passaggio particolarmente significativo, quello che va dall’ essere “COSCRITTI” all’ essere “CITTADINI”, a cui sono legate una serie di importanti momenti che riguardano il vostro ruolo attivo all’ interno della nostra comunità e, in termini più ampi,della società. Oggi si segna il  passaggio nell’ età della responsabilità civica, con pienezza di diritti e di doveri e soprattutto dei principi fondamentali che stanno alla base della democrazia, presupposto per la condivisione dei valori universali dell’uguaglianza,della convivenza e del dialogo esercitato, oltre che del rispetto della propria ed altrui dignità. Presenti, come tutti gli anni, alcuni rappresentanti di associazioni di volontariato (cambiano di anno in anno) in rappresentanza dei vari settori della società civile,come la Banda,Bambi,Non solo danza, ADVSP, gli Alpini che hanno presentato la loro associazione ma hanno portato la loro personale esperienza di amore e presa in carico per la comunità, attraverso l’ impegno e la passione. Al termine della cerimonia, la consegna ad ognuno degli intervenuti di una copia della COSTITUZIONE ITALIANA. maggiorenni in comune a cavalese fiemme  I neo maggiorenni accolti in Comune a Cavalese

Questo articolo è stato letto 7887 volte!

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi