La Guerra Rustica del 1525 rievocazione storica a Cavalese

Da il 1 settembre 2015
guerra rustica cavalese 2015
Il giorno Mercoledì 9 settembre 2015 alle ore 20.30 a  Cavalese nel Parco della Pieve, il Comitato Rievocazioni Storiche di Cavalese presenta: 

La Guerra Rustica del 1525 

 Rappresentazione storica in costume con la partecipazione della filodrammatica

“LA MARIANELA di Romallo”

testi e regia di Giulio Visintainer  

Premessa storica 

Negli anni 1524-1525 nelle regioni germaniche, si assistette ad un vasto moto di riscossa contadina contro il servaggio feudale e contro le strutture del sistema sociale. La rivolta dei contadini dilagò presto anche nel Tirolo. Il movimento di rivolta, guidato da Michael Gaismayr, partì da Bressanone all’inizio del maggio 1525, per diffondersi successivamente in Trentino. Numerosissimi e feroci furono i saccheggi compiuti nei castelli, nelle chiese e nei conventi. In Trentino, tuttavia, la rivolta contadina giunse spogliata dei suoi originari contenuti religiosi, configurandosi sostanzialmente come una protesta sociale contro la povertà e contro l’avidità del clero, più che del clero in sé (il cui ruolo era invece messo in discussione dai protestanti).

Ricordata come La Guerra Rustica (ovvero “La Guerra dei carneri”) , attecchì soprattutto nelle Valli di Non e di Sole , in Val di Fiemme, e in Valsugana. 

rievocazione storica cavalese La Guerra Rustica del 1525 rievocazione storica a Cavalese

Descrizione dello spettacolo

         La rievocazione storica presentata in questo progetto verrà diffusa e pubblicizzata con il titolo di LA GUERRA RUSTICA DEL 1525”  .

 “LA GUERRA RUSTICA DEL 1525”  è il nome dello spettacolo teatrale “di piazza” in costume, scritto e diretto da Giulio Visintainer.

Nell’arco dei novanta minuti dello spettacolo, si avvicendano e si alternano attori e figuranti (in un numero compreso tra quaranta e sessanta persone in costumi dell’epoca) per dare caratterizzazione ai personaggi storici (l’Arciduca Ferdinando d’Austria, il Principe Vescovo Bernardo Clesio, Martin Lutero, Michael Gaissmayr, Baldassare de Cles, i capi dei contadini in rivolta, la massa dei rivoltosi, i lanzichenecchi ecc) in un’atmosfera drammatica, animata dal fuoco delle torce, dei ceppi, delle candele e dagli odori della terra, del fieno, del legno.

rievocazione storica cavalese fiemme La Guerra Rustica del 1525 rievocazione storica a Cavalese

L’adattamento versatile e particolare, concepito per valorizzare il luogo in cui esso viene rappresentato, ne delinea il tratto distintivo: per ciascuna location, vicende storiche realmente accadute, leggende o  memorie oralmente tramandate, unitamente ai nomi di personaggi esistiti, ai castelli e ai palazzi secolari che con la guerra dei contadini hanno avuto intrecci e avvicendamenti, diventano parte centrale e specifica per la rappresentazione.

Durante la recita gli spettatori – complici gli effetti pirotecnici, le luce di scena, i fuochi, gli odori e gli effetti sonori – sono chiamati a proiettarsi gradualmente in un tempo passato, a vedere “sotto luci diverse” antichi luoghi, spazi, abitazioni, oggetti, percorsi, e scoprire antichi stili di vita,di relazione e di pensiero. 

Ogni rappresentazione è originale, costruita per non essere replicata altrove.

Perché ciascuna messinscena è un numero unico, prodotto esclusivamente per quel luogo, paese, castello o sito storico che sia.

Le specificità del luogo diventano scenografie naturali e spazi scenici per le attività attoriali e per i movimenti di massa dei figuranti.

guerra rustica cavalese 2015 687x1024 La Guerra Rustica del 1525 rievocazione storica a Cavalese

Questo articolo è stato letto 5662 volte!

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi