ORO Gigante per Bertagnolli e Casal a Pyeongchang

Da il 14 marzo 2018
giacomo bertagnolli e fabrizio casal Pyeongchang 2018

Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal completano la collezione di metalli e conquistano l’oro tra le porte larghe sul tracciato di Jeongseon, riportando l’Italia sul gradino più alto di una Paralimpiade invernale a distanza di otto anni dall’ultima volta, quando Francesca Porcellato vinse la sprint nel fondo.  

Un trionfo tra i Visually Impaired costruito già nella prima manche, quando Jack e Fabri, teenagers trentini conosciutisi tra i banchi di scuola dell’Istituto «Rosa Bianca» di Cavalese, avevano già accumulato 3”19 di vantaggio sui più diretti inseguitori, gli slovacchi Miroslav Haraus e Maros Hudik. Nella seconda discesa, gli azzurri, anziché amministrare, hanno addirittura spinto sull’acceleratore e incrementato il margine, trionfando con 5”08 sull’altra coppia slovacca composta da Jakub Krako e Branislav Brozman, mentre il bronzo l’hanno centrato i canadesi Mac Marcoux e Jack Leitch a 7”.

Era lì nell’aria, volava ad altezza uomo e bastava davvero poco per prenderla, perché Giacomo Bertagnolli e la guida Fabrizio Casal si sono presentati a Pyeongchang con l’ardore di chi di chi vuole ritornara a casa con la valigia piena di trionfi, ma senza patemi o tremori.

E così, dopo il bronzo in discesa e l’argento in superG, ecco la medaglia d’oro conquistata in slalom gigante. Una vittoria fuori discussione, costruita nella prima manche, chiusa con un vantaggio, come dire… d’altri tempi! 1’05″12 contro l’1’08″31 dello slovacco Miroslav Haraus, vincitore ieri della super combinata e del bronzo in superG e contro l’1’08″49 del suo compagno di squadra Krako, oro in superG e argento in discesa, con il sempiterno canadese Marc Marcoux, lì vicino, quarto a 1’09″44, appesantito solo un poco dall’oro conquistato in discesa.

 ORO Gigante per Bertagnolli e Casal a Pyeongchang

Con un vantaggio simile pensi che ormai la gara sia finita. Se la pensi come un gigante di normodotati i distacchi sono incolmabili, ma qui la situazione è diversa: l’errore è dietro l’angolo a ogni porta e sei certo del risultato soltanto quando hai superato l’ultimissimo metro sul traguardo. Si poteva presumere però che Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal nella seconda manche tirassero un pochino di meno o almeno non facessero i pazzi.

Mannaggia a loro, una seconda manche da infarto! Ma chi li lega quei due… Impossibile fermare il loro istinto e anche nella run di chiusura costruiscono il loro terzo capolavoro paralimpico, stravincendo la medaglia d’oro. Rifilano un altro bel secondo e 71 a Krako che rinviene dal terzo posto e si infila al collo l’argento, lasciando il bronzo a Marcoux, distaccato dagli Azzurri di 7 secondi netti, ma 16 centesimi più veloce dello sventurato Haraus che purtroppo scende dal podio. Più che una vittoria si tratta di un predominio assoluto.

Il regalo più bello che Jacki e Fabri potessero fare all’Italia, al movimento paralimpico.

giacomo bertagnolli e fabrizio casal Pyeongchang 2018 ORO Gigante per Bertagnolli e Casal a Pyeongchang

 ORO Gigante per Bertagnolli e Casal a Pyeongchang

Questo articolo è stato letto 3670 volte!

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi