Stava 1985, il nostro impegno, il vostro sostegno

Da il 22 dicembre 2015
stava prestavel

Speravamo davvero che il 2015, l’anno del trentesimo anniversario della catastrofe di Stava, potesse essere archiviato solo nel segno della presa di coscienza e di consapevolezza che ha caratterizzato le innumerevoli iniziative organizzate per commemorare la memoria delle Vittime e per diffondere conoscenza a ogni livello circa la genesi, le cause e le responsabilita’ della catastrofe, per far sì che disastri analoghi dovuti al crollo di bacini di decantazione dei fanghi residuati della lavorazione mineraria non debbano ripetersi e non siano morti invano i 268 uomini, donne e bambini uccisi il 19 luglio 1985 in val di Stava.

L’esposizione del percorso didattico e gli incontri informativi al Parlamento Europeo, alla Camera dei Deputati e al Consiglio della Regione Trentino/Alto Adige,  la “tre giorni” di alta formazione scientifica svoltasi a Stava, le innumerevoli conferenze e momenti d’incontro presso varie Associazioni culturali e Istituti universitari in Italia e all’estero, le migliaia di visitatori al Centro di documentazione di Stava e lungo il sentiero della memoria sul monte Prestavel, il messaggio di sincera vicinanza e solidarieta’ del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, i tanti servizi televisivi, gli articoli e i commenti pubblicati dalla stampa locale e nazionale redatti con convinta partecipazione, i giovani di Tesero e della valle pronti ad assumersi il compito della memoria attiva: tutto questo e altro ancora ci aveva fatto sperare che questo 2015 potesse essere ricordato solo per il messaggio positivo e di speranza che nasce da un’esperienza concreta, drammaticamente vissuta.

Ma il 2015 verra’ ricordato purtroppo anche per il disastro avvenuto il 5 novembre nella regione di Minais Gerais in Brasile a seguito del crollo di due bacini di decantazione dei fanghi residuati della lavorazione del ferro con la distruzione del villaggio di Bento Rodriguez, decine di morti, di feriti e dispersi, una colata di fanghi tossici di oltre 60 milioni di metri cubi che e’ arrivata all’oceano dopo più di tre settimane lasciandosi dietro oltre 500 chilometri di devastazione e morte, distruggendo l’intera flora e fauna del Rio Doce e privando dell’acqua potabile più di 250 mila persone.

“Stava – scrive il Presidente Mattarella nell’articolo pubblicato il 19 luglio sul Quotidiano L’Adige – e’ diventata il simbolo di un modo gravemente sbagliato di concepire l’attivita’ economica, il profitto, il rapporto con l’ambiente, la valutazione dei rischi. Un modo che mi auguro sia stato definitivamente consegnato al passato”. Purtroppo così non e’ ancora, neppure trent’anni dopo Stava.

Continueremo ad operare con rinnovato impegno per far capire a chi ha responsabilita’ e a chi domani dovra’ prendere delle decisioni che possono generare catastrofi che non la ricerca del profitto immediato deve essere al centro del nostro agire, ma la coscienza delle nostre personali responsabilita’, il rispetto della vita e dell’ambiente.

Grati per il Suo sostegno, auguriamo buon Natale e felice anno 2016.

Carlo Dellasega Graziano Lucchi vicepresidente presidente

Ita Stava 1985, il nostro impegno, il vostro sostegno

IL NOSTRO IMPEGNO, IL VOSTRO SOSTEGNO

La Fondazione Stava 1985 è un’organizzazione non lucrativa di utilità sociale Onlus. Opera grazie al nostro impegno di volontariato e al Vostro sostegno economico.

L’attività della Fondazione è interamente finanziata con contributi di aziende, enti e privati. La Fondazione può ricevere donazioni e lasciti testamentari.

In quanto versate a favore di un’organizzazione non lucrativa di utilità sociale Onlus le somme sono deducibili nella dichiarazione dei redditi delle persone fisiche e delle persone giuridiche.

Contributi alla Fondazione Stava 1985 Onlus vanno versati con bonifico bancario:

Banca: Cassa Rurale di Fiemme I 38038 Tesero (Trento), piazza Cesare Battisti 4

Conto corrente: EUR IBAN: IT98 S081 8435 6400 0000 2152 366 CODICE BIC: CCRTIT2T50A

intestato a Fondazione Stava 1985 Onlus I – 38038 Tesero (Trento), località Stava Codice fiscale 01748010228

Per devolvere alla Fondazione il 5 per mille dell’Irpef è sufficiente - trascrivere il codice fiscale della Fondazione Stava 1985 Onlus 01748010228 nel riquadro della dichiarazione dei redditi “Scelta per la destinazione del cinque per mille dell’IRPEF – Sostegno del volontariato delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni e fondazioni” – e apporre la propria firma nello stesso riquadro.

Il 5 per mille dell’Irpef verrà versato automaticamente alla Fondazione Stava 1985 Onlus.

stava prestavel Stava 1985, il nostro impegno, il vostro sostegno

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>