Successo per la Desmontegada delle Caore di Cavalese

Da il 10 settembre 2013
cavalese desmontegada delle caore fiemme

CAVALESE. Malgrado la giornata nuvolosa domenica a Cavalese erano in migliaia, tra valligiani e turisti, ad assistere al rito bucolico della «desmontegada de le caore».

Una desmontegada che quest’anno aveva il sapore del ringraziamento, visto che si è trattato della ventesima edizione. Alle 14,30 precise con il vestito della festa in via Nove Novembre fra due grandi ali di folla sono spuntate le “miss a 4 zampe” provenienti dall’alpeggio. Un rito agreste che si rinnova ogni anno con l’arrivo dell’autunno e che anche ieri si è tramutato in un affascinante spettacolo d’altri tempi, sempre più apprezzato dal grande pubblico.

Già alle 10 le vie di Cavalese si sono animate con le bancarelle e i mercatini che offrivano i fragranti prodotti dell’alpeggio, il formaggio di malga, il caprino e il misto capra, pietanza quest’ultima che, diventata uno dei piatti preferiti dai buongustai, nel corso della settimana è andata letteralmente a ruba nei ristoranti di Cavalese e dintorni. La desmontegada quest’anno è stata arricchita anche da altri importanti elementi di contorno. Come la divertente “pedalata golosa” e gli incontri gastronomici «Gusti di Fiemme» con «Caprintavola» e «Intrecci di sapori» al palazzo della Magnifica a cura dell’hotel Bellavista e dell’Enoteca Delizie Welponer. E ancora un grande successo è stato il laboratorio per “piccoli pasticcioni” guidato da Simone Baldassarra.

cavalese desmontegada delle caore fiemme Successo per la Desmontegada delle Caore di Cavalese

Domenica a Cavalese c’è stato l’epilogo conclusivo di una serie di momenti legati all’agricoltura di montagna, che riesce, oltre che ad affascinare gli spettatori, anche a creare interessanti livelli di vendita dei prodotti tipici della terra trentina, compreso il miele, i formaggi di malga e la birra di Fiemme, proposti accanto alla frutta e alle verdure di Campagna Amica e andati letteralmente a ruba.

Le capre hanno sfilato poi in passerella davanti alla giuria composta da Claudio Vanzo, Fausto Schraffl e Renato Miche. Le miss 2013 del gregge quest’anno sono due perché il primo posto ex aequo è stato attribuito ad una capra di Paolo Scarian di Varena e ad una capra di Konrad Dalvai di Solaiolo di Carano. Vincitore della categoria becchi invece è stato Anselmo di proprietà di Nicolò Nones. Alla premiazione erano presenti gli assessori Finato, Gianmoena, Gilmozzi, il presidente della Comunità di Valle Zancanella, il regolano di Cavalese Giuseppe Fontanazzi, presidente e vice dell’Apt Lozzer e Degodenz.

La festa anche quest’anno è riuscita benissimo grazie alla rete di volontari (un centinaio) coordinata da Pasquale Vaia.

Luciano Chinetti – Il Trentino

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>